Come deve essere una biciletta mountain bike? Tutte le caratteristiche del suo scheletro

Il telaio

Una delle parti principali delle bicilette mtb usate è il telaio, cioè lo scheletro della bici stessa. È il telaio che va a determinare le prestazioni e la fruibilità della bici e perciò è di fondamentale importanza che si tratti di una struttura con determinate caratteristiche per avere prestazioni migliori. Rispetto alle bicilette city, le mountain bike hanno un telaio che è meno allungato ma più robusto per poter reggere anche sui terreni più dissestati. Oltre alla rigidità, quando si è alle prese con la scelta di mtb usate si deve prendere in esame anche l’elasticità nonché il peso. Il grado di rigidità influenza la trasmissione dell’energia della pedalata fatta sulla ruota posteriore. L’elasticità, invece, determina la capacità di assorbire tutti gli urti. Infine, il peso del telaio determina la fatica che si deve fare per portare la bici stessa; infatti, più esso sarà leggero, maggiore sarà la facilità nel condurre la bici ma forse la resistenza sarà minore. Per tale motivo, quello che si deve ricercare nelle bici da mtb è un materiale che sia leggero e molto robusto allo stesso tempo per avere i maggiori vantaggi e benefici, anche in termini di performance.

I materiali

Dato che il telaio è una parte così rilevante in una biciletta mtb, continuiamo a parlarne, andando a vedere quali sono i materiali più usati per la sua realizzazione e che tipo di caratteristiche hanno, in modo da scegliere con maggiore consapevolezza.

Acciaio. Fino a poco tempo veniva usato moltissimo l’acciaio per realizzate i telai che però risultavano molto pesanti, nonostante vantassero buone caratteristiche di durata e resistenza. Se si dovessero trovare delle mtb usate in acciaio, il prezzo sarà decisamente basso perché non si tratta di un materiale top della gamma perciò forse è meglio cercare ancora se si tratta di un professionista. Una bicicletta usata in acciaio potrebbe andare benissimo per chi è alle prime armi in questa disciplina.

Alluminio. L’acciaio è praticamente sparito e oggi per la produzione dei telai delle mtb si usa per lo più l’alluminio, un metallo che vanta diversi benefici. È il materiale che garantisce il migliore compromesso tra rigidità e leggerezza, poiché si tratta di uno scheletro che ha un peso ridotto, mantenendo però la capacità di resistere a urti, buche e sbalzi dovuti a un terreno scosceso.

Carbonio. Tra i materiali più all’avanguardia nella produzione di bicilette c’è di certo il carbonio che ha il vantaggio di essere estremamente leggero, senza perdere resistenza. Il costo è molto alto e si usano biciclette realizzate in carbonio soprattutto per il cross country perché è un prodotto sì flessibile e poco pesante ma è anche meno resistente e duraturo.

Titanio. Il top per le mtb usate è il titanio che è il giusto compromesso tra leggerezza, flessibilità e robustezza. Si tratta di un prodotto che ha un costo davvero alto ma ne vale la pena perché è assicurato il miglioramento delle prestazioni.