Demolizione automobile: che cosa devi sapere per non incorrere in rischi

Quali sono i centri autorizzati

Oggi ci sono purtroppo diversi centri abusivi che operano come discariche e centri di rottamazione a cui non è proprio il caso di affidarsi poiché si tratta di attività illecite che operano senza certificazioni. È indispensabile rivolgersi solo ed esclusivamente a centri autorizzati che sono gli unici a dare accesso ai vantaggi migliori. Infatti, un centro di rottamazioni e autodemolizioni a Roma in regola demolisce con criteri scrupoli e rigidi tutti i veicoli che vengono portati. Inoltre, i centri a cui rivolgersi sono quelli in grado di rilasciare i documenti necessari per le successive dichiarazioni.

Perché le automobili dismesse sono pericolose

Forse non tutti sano che le automobili sono pericolose per l’ambiente perché ci sono dei componenti interni che sono particolarmente dannosi per l’ecosistema. Infatti, l’olio per il motore, la batteria dell’automobile e anche la benzina possono contaminare il terreno e anche eventuali falde acquifere. Per tale ragione, è di vitale importanza che le automobili e gli altri veicoli vengano rottamati presso dei centri autorizzati e iscritti all’apposito albo perché l’unico sistema per avere la certezza che tali veicoli vengano trattati in modo sicuro. i centri abusivi spesso sorgono in luoghi dive poi le popolazioni soffrono per anni e anni di contaminazioni del terreno. Un atto di grande responsabilità sarebbe quello di evitare centri non autorizzati.

Che documenti servono per la demolizione e per le successive dichiarazioni

Solo un centro di rottamazioni e autodemolizioni a Roma è capace di dare tutti i documenti che sono necessari per andare al Pubblico Registro Automobilistico, PRA, che spesso si trova presso il punto Aci di riferimento della zona. Per poter togliere il veicolo rottamato dalla lista dei mezzi circolati serve esibire il certificato di demolizione, che oggi può anche esser inviato per via telematica senza doversi per forza recare di persona all’Aci. Senza questo documento si dovrà continuare a pagare bollo e assicurazione perché l’automobile risulterà ancora in circolazione.