L’età anagrafica passa dalla pelle, ecco in che modo

Hai trent’anni e ti stai chiedendo per quale motivo la tua pelle non è più quella dei vent’anni. Sei arrivata al giro di boia degli ‘anta’ e ti senti ancora una ragazzina, solo con qualche ruga in più? Quando ci sveglia la mattina e si va in bagno per truccarsi o per lavarsi i denti, è automatico controllare pregi e difetti allo specchio. Invecchiare in salute è una prerogativa della maggior parte delle persone ma, è la costanza nel raggiungere l’obiettivo che fa cambiare i risultati. Sin da quando eri più giovane, a tavola, la mamma, ti riproverava di non mangiare frutta e verdura a sufficienza? Con il passare degli anni la situazione è ‘peggiorata’: alle tue dimenticanze si sono aggiunti fumo e un lavoro sedentario che non ti permette di stare spesso all’aria aperta? La soluzione è a portata di mano se si cambiano le abitudini quotidiane.

La pelle cambia ciclicamente, rinnovandosi circa ogni trenta giorni. Uno stile di vita sano comprende una regolare attività fisica e un’alimentazione equilibrata a tavola. Per un cambio più profondo legato agli organi interni, si dovrà aspettare un po’ di più, circa un anno e mezzo. Quali sono i punti della nostra pelle che appaiono agli altri come l’indicatore principale della nostra reale età?
Il corpo non mente, ci sono particolari segni della pelle che possono svelare facilmente l’età biologica di una persona, quali?

– Viso: rughe o lentiggini, la situazione a distanza di anni può peggiorare costantemente, soprattutto se non si adegua la dieta e i trattamenti cosmetici alle nuove esigenze della pelle che cambia. Acquistare una crema con un buon fattore di protezione solare spf può essere una soluzione che permette di rallentare il processo di invecchiamento sotto i raggi del sole della stessa. Inoltre le lentiggini non si trasformeranno in anestetiche macchie da rimuovere col laser.

– Palpebre: la perdita di tono della pelle e dei muscoli sopra e sotto gli occhi è nota specialmente al genere femminile ma è un problema che colpisce tutti indistintamente. Se vuoi proteggere la bellezza del tuo sguardo dalle fastidiose borse devi proteggere gli occhi dallo stress, garantendo al tuo corpo un buon numero di ore di sonno. Una crema all’acido ialuronico è un ulteriore alleato contro le zampe di gallina più ostinate.

– Collo: si tratta di un punto che può svelare facilmente l’età anagrafica di una persona. Il collo si rilassa e, con le sue macchie e grinzosità, può diventare antiestetico superati i fatidici ‘anta’. Anche i più giovani devono però fare attenzione a un calo di peso molto drastico che potrebbe portare alla comparsa di eccessi di pelle nelle zone dell’addome del collo.

– Mani: segni del tempo, vade retro! Il passare impietoso del tempo si concentra tutto sulle mani! Non c’è crema che tenga, sono la parte del corpo che riesce a rivelare più dettagli sul nostro lavoro, la nostra età e sulle nostre abitudini quotidiane. In questo caso la prevenzione gioca un ruolo chiave. Si parla di idratazione costante con prodotti affidabili e testati. Siamo passati alla fase successiva? La cura vera e propria passa dalla medicina estetica. Al giorno d’oggi il ringiovamento delle mani è possibile ma dal chirurgo plastico. L’acido ialuronico, combinato con diverse tecniche, è tra i prodotti più utilizzati per donare nuova bellezza alle mani più strapazzate. È infatti in grado di ridurre visivamente l’assottigliamento della pelle e la riduzione dello spessore sottocutaneo, nonché prevenire la comparsa delle prime rughe.