Pressione della caldaia: qual è il livello giusto e come correggerlo

Uno dei parametri più importanti per il corretto funzionamento della caldaia domestica è la pressione. Essendo così fondamentale, conviene che tutti sappiano qual è il livello giusto e anche come correggerlo.

Il livello della pressione

Perché la caldaia funzioni correttamente, deve avere la pressione compresa tra 1 e 2 Bar. Leggere la pressione non è difficile ma dipende dal tipo di caldaia in uso. In genere, quelle Meno recenti hanno un indicatore nella parte frontale. Chi invece a caldaia di ultima generazione, trova questo valore nel display elettronico.

Pressione bassa: che cosa fare

Se la pressione della caldaia è inferiore a 1 Bar significa che è troppo bassa e possono esserci dei malfunzionamenti. Per esempio, non essere acqua calda dei rubinetti e i termosifoni non si scaldano bene. Ci sono diversi sistemi per sollevare la pressione e riportarla al giusto valore. Per alzare la pressione, è sufficiente introdurre altra acqua nel circuito aprendo l’apposito rubinetto posizionato nella parte inferiore della caldaia. Attenzione a non aprire eccessivamente il rubinetto poiché bastano 30 secondi. Infatti, l’indicatore non sale contestualmente ma conviene attendere un po’ dopo aver aperto il rubientto e controllare che la pressione sia effettivamente salita. Se il problema di pressione bassa dovesse persistere, conviene mettersi in contatto al più presto con il tecnico della manutenzione e assistenza caldaie Beretta Milano che verifica altri parametri come, per esempio, eventuali perdite e guarnizioni da sostituire.

Pressione alta: come si risolve

Quando la pressione della caldaia è più alta, cioè superiore a 2 Bar, non è facile accorgersi subito perché non è detto che ci siano malfunzionamenti evidenti, ma a lungo andare una situazione del genere rovina l’apparecchio I suoi componenti. Per ridurre la pressione e falla scendere a livello più corretto, basta sfiatare i termosifoni. Il tecnico della manutenzione e assistenza caldaie Beretta Milano apre una valvola del termosifone per far uscire un po’ di acqua dal circuito riportando la pressione a livello più corretto che non provoca malfunzionamenti.