Rinoplastica: quando si fa e come

La rinoplastica a Milano è uno dei tre interventi di chirurgia estetica più richiesti con la mastoplastica additiva e la liposuzione, allora vediamo di capire meglio quando viene fatta e come.

Quando intervenire sul naso

Si interviene sul naso con la rinoplastica a Milano quando la sua forma non è armoniosa e ben riproporzionata con il resto del viso. Un naso che ha una forma non perfetta non è sempre da operare poiché non rappresenta un problema medico ma, anzi, può anche diventare parte integrante della persona che lo porta. Si tratta unicamente di un problema personale: chi non si vede bello con un naso grande e acquino, per esempio, può pensare di rimodellarlo grazie alla chirurgia estetica.

Il naso viene sottoposto alla chirurgia estetica nel momento in cui il setto è deviato. Si tratta di una condizione medica spesso causata da un trauma ma può anche essere una condizione congenita. Il setto deviato fa respirare male, russare la notte, costringere a respirare con la bocca, provoca frequenti epistassi etc. perciò si deve intervenire per correggerlo. La chirurgia estetica non è solo per bellezza ma in questo caso risolve il problema funzionale.

Come avviene la rinoplastica

L’intervento di rinoplastica a Milano ha una durata di circa un’ora e, di solito in condizioni normali, si usa l’anestesia locale. Ci sono due tecniche con cui rimodellare il naso e il suo profilo: aperta o chiusa. La tecnica aperta veniva usata soprattutto in passato e prevede che il chirurgo estetico incida il derma per esporre osso e cartilagini per sistemare la forma del naso. È una soluzione che permette un rimodellamento anche drastico ma il post operatorio è un po’ più lungo, come anche il dolore dato che ci sono più cicatrici esposte.

La cosiddetta tecnica chiusa prevede che si intervenga sulla forma del naso dall’interno cioè operando dalle narici senza dover incidere la pelle. Il vantaggio di questa innovativa tecnica è che il chirurgo vede subito l’effetto sul naso che si gonfi ameno rispetto a prima. La ripresa post operatoria è più veloce ma non sempre è possibile utilizzarla perché a volte è proprio necessario incidere.